X Factor: Perché Le Donne Possono Essere Più Sani Rispetto Agli Uomini

No Comments

X Factor: Perché Le Donne Possono Essere Più Sani Rispetto Agli UominiSett. 28, 2011 — “X” potrebbe davvero segnare il punto quando si tratta di motivo per cui le donne vivono circa cinque a 10 anni di più rispetto agli uomini e sono meno probabilità di sviluppare alcune malattie.

In particolare, è il cromosoma X e il microRNA-o piccoli ceppi di acido ribonucleico — che esso contiene. Gli uomini hanno un cromosoma X e un cromosoma Y, e le donne hanno due X. Loro microRNA che racconta la nostra geni che cosa fare o non fare.

Robert G. Lahita il MD, il PhD,la spiega così: “Come si fa un narciso sapere di fiorire in primavera? I microrna sono sul cromosoma per la fioritura e sono sensibili alla temperatura, quindi appena la temperatura arriva a essere in un certo intervallo, il gene che entra in vigore in gran parte perché il microRNA dice,” egli dice. Egli è il presidente del dipartimento di medicina Newark Beth Israel Medical Center di New Jersey. “Voilà, abbiamo un fiore.”

Ricercatori di Gand, in Belgio, ha mappato tutti i microRNA si trova sul cromosoma X in entrambi gli esseri umani e topi. Essi sono stati in grado di evidenziare il microRNA che svolge un ruolo nella capacità del sistema immunitario a scongiurare infezioni e cancro. Molto di questo microRNA si trova sul cromosoma X, che mostra che la genetica deck può essere impilati in favore delle donne.

Il nuovo studio che compare in BioEssays.

Questa ricerca è ancora nella sua infanzia, dice studio ricercatore Iris Pinheiro delle Fiandre, Istituto per le Biotecnologie in Gand. “Il futuro ci dirà se X-trova i microrna sono infatti contribuiscono alle differenze di genere in ciò che riguarda la risposta immunitaria e l’insorgenza del cancro. Ma non ho dubbi che sia così.”

Sono I Nostri Geni, Il Nostro Destino?Sono I Nostri Geni, Il Nostro Destino?

È tutto circa le X? “Non direi che il tutto è “X”, ma come un genetista direi che molto è nei geni,” Pinheiro dice. “Alla fine della giornata siamo un prodotto del nostro genoma, e in molti casi non possiamo sfuggire dannoso mutazioni che causano alcune malattie, anche se abbiamo uno stile di vita sano.

“Siamo in grado di plasmare le loro conseguenze, e possiamo rimandare o dribblare i sintomi”, dice in una e-mail. “È comunque importante mantenere un sano stile di vita. Non vogliamo accelerare il processo o finire con malattie per le quali non ci sono stati anche predisposti a in primo luogo.”

“Le donne vivono più a lungo e possono avere meno problemi con alcune infezioni malattie rispetto agli uomini,” dice David Pisetsky, MD, direttore di reumatologia presso la Duke University Medical Center a Durham, N. C.

Alcuni perché potrebbe trovarsi nella Y (cromosoma), dice. “Le donne hanno due X soli uomini, vento con uno,” dice. Il trucco genetico delle donne è diverso da quello degli uomini, perché hanno una copia di backup del cromosoma X. “Forse i maschi ottenere nei guai, perché solo una X e non di backup.”

Una teoria è che alcuni geni sul cromosoma X può essere messa a tacere o inattivato. Questo lascia gli uomini in svantaggio, perché hanno solo una X. Pisetsky dice che l’extra X può essere un buffer da ciò che è difettoso o tacere su un singolo cromosoma X.

Le donne possono vivere più a lungo e di essere meno probabilità di sviluppare alcune malattie, ma sono a rischio molto più elevato per le malattie autoimmuni come il lupus e l’artrite reumatoide.

“Si tratta di un trade-off,” Pisetsky dice.

Ormoni sessuali Anche Contribuire alle Differenze di GenereOrmoni sessuali Anche Contribuire alle Differenze di Genere

Altri fattori come il sesso, ormoni, tra cui gli estrogeni e il progesterone e l’ambiente possono anche svolgere un ruolo.

“Le differenze genetiche sicuramente la materia e non c’è interesse in corso e le prove che la presenza di uno o due cromosomi X può avere un impatto … le differenze tra i sessi, con conseguente differenziale suscettibilità alle malattie autoimmuni e anche le infezioni virali”, dice Sabra L. Klein, Dottorato di ricerca. Klein ha scritto un editoriale che accompagna lo studio. Lei è un assistente professore di microbiologia e immunologia presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora.

“C’è un altrettanto convincente corpo di lavorare per dimostrare che gli ormoni, tra cui il testosterone e gli estrogeni, l’impatto sul funzionamento del sistema immunitario di alterare lo sviluppo della malattia,” Klein dice via e-mail.

“Siamo come le regole di pollice e semplici storie e la … le differenze tra i due sessi è tutt’altro che semplice e probabilmente coinvolge entrambi i geni e ormoni”, dice. “Molte differenze sono cablate con i nostri geni, ma l’entità di queste differenze quando si devono affrontare sfide che possono essere influenzati dal nostro ambiente ormonale.”

Molte domande rimangono. “Possiamo terapeuticamente manipolare l’espressione dei nostri geni o le concentrazioni di ormoni per invertire la suscettibilità alla malattia? Può informazioni sull’espressione del gene e ambiente ormonale essere utilizzati per personalizzare i trattamenti in modo diverso per uomini e donne? Dobbiamo trattare gli uomini e le donne in modo diverso, per trattarli allo stesso modo?”

Michael D. Lockshin, MD, ha parlato di “X factor” per anni. Dirige la Barbara Volcker Centro per le Donne e di Malattie Reumatiche presso l’Hospital for Special Surgery di New York City.

Quando è stato chiesto se il tutto si riduce a X, egli dice, “penso di Sì.”

Detto questo, l’ambiente influisce anche quanto tempo viviamo e quali malattie si sviluppano. “C’è molto di più a cercare nell’ambiente”, ha dichiarato in una e-mail.

Categories: Uncategorized

La Vitamina D Può Alleviare I Periodi Dolorosi

No Comments

La Vitamina D Può Alleviare I Periodi DolorosiUn unico grande dose di vitamina D può aiutare le donne con periodi dolorosi sentire più a suo agio e saltare gli antidolorifici, i ricercatori relazione.

Antonino Lasco, MD, dell’Università di Messina, e il suo team ha confrontato l’uso di vitamina D dose di pillole placebo. Hanno studiato 40 donne, di età compresa da 18 a 40. Tutti avevano il dolore mestruale, noto come dismenorrea. Colpisce quasi la metà delle donne che le mestruazioni.

Oltre il dolore, ci possono essere nausea, vomito, diarrea e problemi di sonno.

“Abbiamo osservato una significativa riduzione del dolore di vitamina D del gruppo rispetto al gruppo placebo nei due mesi di durata del nostro studio”, scrive Lasco. Lo studio è stato pubblicato negli Archivi di InternalMedicine.

La dose utilizzata è stata molto alta: le 300.000 unità internazionali (UI). Una dose di 4.000 UI al giorno è chiamato il “superiore tollerabile” da l’US Institute of Medicine. Che sarebbe di circa 240.000 UI da oltre due mesi.

Le donne non dovrebbero provare questo approccio loro, avverte Tarek Bardawil, MD, assistente professore di ostetricia e ginecologia presso l’Università di Miami Miller School of Medicine. Egli ha esaminato i risultati per. “Il numero di pazienti studiati è molto poco”, dice. “La dose è molto alta. Prima di saltare a conclusioni, abbiamo bisogno di ulteriori studi.”

Vitamina D per Periodi Dolorosi: Studio DettagliVitamina D per Periodi Dolorosi: Studio Dettagli

L’eccesso di produzione di ormoni come sostanze chiamate prostaglandine possono innescare periodi dolorosi. La vitamina D è nota per ridurre la loro produzione.

Lasco del team assegnato in modo casuale i 40 donne per ottenere la vitamina D o pillole placebo. Le donne sono voluti cinque giorni prima del previsto inizio del loro ciclo.

Per due mesi, le donne tracciato la loro dolori mestruali. Hanno detto che se hanno preso qualche off-the-shelf antidolorifici, come farmaci anti-infiammatori non steroidei (Fans).

Quelli sulla vitamina D non solo segnalato meno dolore, nessuno ha detto che hanno preso tutte le FANS, antidolorifici durante i due mesi.

Quaranta per cento delle donne con il placebo, ha detto che ha preso un FANS antidolorifico almeno una volta.

FANS, antidolorifici sono in genere prescritti per periodi dolorosi. Tuttavia, l’uso a lungo termine può portare a rischi come problemi gastrointestinali.

Vitamina D per Periodi Dolorosi: ProspettivaVitamina D per Periodi Dolorosi: Prospettiva

Lo studio italiano è creduto per essere il primo a guardare la vitamina D per periodi dolorosi, secondo JoAnn E. Manson, MD, DrPH, della Harvard Medical School, e Elizabeth Bertone-Johnson, ScD, dell’Università del Massachusetts, Amherst. Hanno scritto un commento che accompagna lo studio.

Tuttavia, dicono che lo studio è un punto di partenza. Sono necessari studi più grandi, con follow-up più lungo.

Non è noto se si tratti di una singola dose dovrebbe essere sufficiente. Se ripetere le dosi necessarie, il focus deve essere sul mantenere la dose a un livello di sicurezza, dicono.

Ricercatori hanno anche bisogno di guardare a lungo termine, rischi e benefici, dicono. Le donne sarebbe probabilmente prendere questo rimedio, se si porta fuori, per molti anni.

“Io la chiamerei più di uno studio pilota”, dice Bardawil. “Il razionale per l’utilizzo di 300.000 UI deve essere giustificata.”

Categories: Uncategorized

Grassi Trans è Legata a Ictus nelle Donne

No Comments

Grassi Trans è Legata a Ictus nelle DonneArteria intasamento grassi trans sono stati collegati alla malattia di cuore in uno studio dopo l’altro, e ora la nuova ricerca suggerisce che i grassi possono anche aumentare il rischio di ictus nelle donne.

Mezza età e anziani donne la cui dieta conteneva la maggior parte dei grassi trans nel segnalate di recente studio ha avuto il più alto rischio di ictus, ma l’uso regolare di aspirina sembrava debole di questo rischio.

Ricercatori hanno analizzato i dati raccolti da oltre 87.000 donne nel più grande studio mai di esaminare l’impatto di grassi della dieta sul rischio di ictus.

Non hanno trovato alcuna prova che collega totale assunzione di grassi o di assunzione di altri tipi di grasso per la corsa, ma mangiare grandi quantità di grassi trans è fortemente associato con un rischio elevato.

Le donne nello studio che mangiavano più grassi trans aveva un 39% in più di rischio di ictus rispetto alle donne che mangiavano almeno dopo aver tenuto conto di altri stile di vita e i fattori che contribuiscono alla corsa.

“I grassi Trans sono ben riconosciuti come fattori di rischio per le malattie cardiache e attacchi di cuore, e il nostro studio trova che essi sono un fattore di rischio per l’ictus ischemico,” dice il ricercatore Ka Lui, MD, MPH, della University of North Carolina a Chapel Hill. Un ictus ischemico si verifica quando l’apporto di sangue ad una zona del cervello è completamente o parzialmente bloccato.

Grassi Trans e IctusGrassi Trans e Ictus

Una volta un fiocco di elaborati prodotti da forno e cibi fritti, grassi trans sono lentamente scomparendo dal negozio di generi alimentari navate e la cucina come un crescente numero di studi suggeriscono che essi possono essere più pericolosi per la salute rispetto ad altri grassi alimentari.

Il nuovo studio, che appare nel numero di Marzo della rivista Annals of Neurology, incluse le donne che partecipano al corso Women’s Health Initiative (WHI), la salute di prova.

Le donne, che erano di età compresa tra 50 a 79 da quando sono iscritto nel WHI nel mid-to-late 1990s, completato dettagliate sulle abitudini alimentari dei questionari, che, tra le altre cose, ha esaminato la loro assunzione di vari grassi alimentari.

La constatazione che il consumo di grassi trans, ma non il consumo di grassi, è stato fortemente associato con un aumentato rischio di ictus è stato visto solo in donne che non sono stati regolari utenti di aspirina.

Lo studio suggerisce, ma non prova, che il consumo di una dieta ad alto contenuto di grassi trans aumenta il rischio di ictus e che il normale uso di aspirina può aiutare a ridurre questo rischio, dice .

Perché le persone che mangiano un sacco di grassi trans tendono a mangiare più poveri diete in generale, qualche altro fattore dietetico può spiegare l’associazione, dice esperto di nutrizione Nancy Copperman, MS, RD, direttore delle iniziative di salute pubblica presso la North Shore-LIJ Health System a Great Neck, NY

“Una dieta che è ad alto contenuto di grassi trans, inoltre, tende ad essere ad alto contenuto di zuccheri, sodio e altre malsane le cose”, dice.

Poiché circa l ‘ 85% delle donne arruolati nello studio erano il bianco, inoltre, non è chiaro se i risultati si applicano per le donne di altre etnie.

CDC: Grassi Trans Sangue i Livelli di CadereCDC: Grassi Trans Sangue i Livelli di Cadere

Ma Copperman dice l’evidenza come tutto suggerisce che gli sforzi per ottenere i grassi trans di alimenti che mangiamo sono garantiti.

E gli sforzi sembrano avere un impatto.

Un recente CDC-finanziato studio suggerisce che negli stati UNITI la, media dei livelli ematici di grassi trans sono crollati negli ultimi anni, l’eliminazione di quasi il 60% tra il 2000 e il 2009.

“Il divieto di grassi trans e produttori di volontariato sforzi per rimuovere i loro prodotti hanno avuto un impatto” Copperman, dice. “Ma i consumatori devono ancora essere vigili e leggere le etichette.”

Aggiunge che, se l’etichetta contiene le parole “parzialmente idrogenati” — che significa che il prodotto ha grassi trans — lasciare sugli scaffali.

Categories: Uncategorized